Salta il menu.
  • SimbolettoL'Unione Pensionati
  • SimbolettoLa Pensione
  • SimbolettoDocumentazione
  • SimbolettoLe Assicurazioni
  • SimbolettoLink utili



Per visualizzare i documenti è necessario utilizzare il programma Acrobat Reader.
Scarica qui il software. Scarica Acrobat Reader 5
Versione per Windows Vista

Scarica Acrobat Reader 8
decorazione
Valid XHTML 1.0 Transitional

30/12/2014 - Pagamento delle quote associative e del premio per la polizza sanitaria

Le notizie circolate in questi giorni, spesso contraddittorie, impongono di fare un momento di chiarezza. Nell'intento di semplificare il tutto, si riepilogano di seguito le modalità da seguire per il versamento delle somme dovute per l'anno 2015.

Fermo restando che sarebbe ottimale avere sempre la delega SEPA per l’addebito automatico in conto corrente, per chi ancora intende effettuare un bonifico, l’unico conto da utilizzare per qualsiasi versamento, deve essere il seguente:

IBAN: IT 93 U 03359 01600 100000069481 - Banca Prossima - Filiale 05000

Intestato a “Unione Nazionale fra i Pensionati del Banco di Napoli”

Veniamo ora a chi invece paga mediante addebito in conto corrente (ex RID).

Chi ha già fornito la delega RID per l'addebito in conto corrente deve in ogni caso compilare il nuovo modulo SEPA (allegato al messaggio) e farlo pervenire in originale all'Associazione. La nuova delega richiesta dalla normativa europea, sostituirà quella rilasciata in precedenza.

Chi fornisce per la prima volta la delega per l’addebito in conto corrente deve compilare il nuovo modulo SEPA (allegato al messaggio) e farlo pervenire in originale all'Associazione.

Chi sottoscrive la polizza sanitaria e preferisce il pagamento rateale in sei rate, con addebito il giorno quindici dei mesi pari (15 febbraio, 15 aprile, ecc.) dovrà assolutamente scegliere la modalità dell’addebito diretto in conto corrente. Per i pagamenti rateali non è consentito il versamento con bonifico.

Si raccomanda di indicare precisamente l'IBAN del proprio conto corrente in modo da evitare insoluti tecnici.Il modulo SEPA non va assolutamente presentato alla propria banca, ma soltanto inviato all'Associazione che curerà tutti gli adempimenti previsti.

Per concludere, si raccomanda vivamente a tutti gli iscritti di scegliere la modalità di addebito diretto in conto corrente, attuale sistema SEPA (ex RID). Tutte le altre modalità (contanti, assegni e bonifici) comportano delle attività amministrative e contabili assolutamente inutili ed evitabili con l'addebito diretto. Il sistema con cui quest'anno 2014 sono state immesse nella rete interbancaria più di cinquemila disposizioni di addebito, risulta ampiamente collaudato e altamente affidabile.

Le presenti disposizioni sono portate a conoscenza di tutti gli interessati. Si prega anche i delegati territoriali di attenersi a queste disposizioni.

Continua...